Sbaglia il volo e si ritrova a Las Vegas

Un manager di banca, in trasferta di lavoro a Colonia, imbarcatosi sul volo per tornare a Londra si è addormentato per ritrovarsi in volo verso Las Vegas. Samuel Jankowsky, 29 anni, era atteso in aeroporto da sua moglie, di quattro anni più giovane e in dolce attesa.

Malgrado un triplo controllo della sua carta d’imbarco, Samuel si è concesso un sonnellino mentre ascoltava la musica con gli auricolari, e al suo risveglio si è reso conto di aver superato la Gran Bretagna e di essere in volo verso Las Vegas.

“Mi era sembrato strano che quell’aereo così grande potesse essere destinato ad un volo piuttosto breve, ma non mi sono posto altri dubbi. Non sapevo che Eurowings volasse fino a Las Vegas. Mia moglie mi aspettava a casa e col wi-fi di bordo sono riuscita ad avvertirla. La cosa peggiore, però, è avvenuta una volta atterrato a Las Vegas: mi hanno trattato come un criminale perché non avevo il visto. Mi hanno trattenuto in una cella dell’aeroporto per ore e un agente mi ha minacciato: ‘Se non trovi il modo di andare via con un altro volo entro un’ora, sarai arrestato”

Pure avendo trovato un volo di ritorno per Colonia, il manager 29enne si è reso conto una volta atterrato di essere indicato come persona sgradita da Eurowings, quindi ha dovuto cercare un volo per la Gran Bretagna con una compagnia diversa. Dopo una notte in albergo, Samuel ha fatto visita ad un amico di Mannheim e ha trovato un volo da Stoccarda.

“Oltre ad aver perso tanto tempo, questa svista mi è costata quasi 900 euro. Mi hanno trattato malissimo, ma l’errore è dello staff di Eurowings che ha controllato la mia carta d’imbarco tre volte”, si è sfogato Samuel.

La notizia risale al 30 giugno scorso, con l’uomo che è rientrato a casa solo il 2 luglio, ma i media l’hanno riportata solamente nei giorni scorsi.

Beppe Dammacco

 

Facebook Comments