Mangiamo la Foglia: Nintendo Direct & Pillole

Il Nintendo Direct di giovedì ha lasciato un po’ tutti di stucco – vuoi per l’annuncio inaspettato verso il finale, vuoi per il gran numero di informazioni rilasciate sui titoli più attesi. A me non ha fatto né caldo né freddo perché io sono ProngedLeaf, l’essere supremo e immune al fascino di trailer e informazioni di sorta, il cui unico interesse sono prezzi e date di rilascio perché mi devo fare il calcolo di quando e quali soldi devo spendere. E anche a luglio so cosa giocare.

Chi ha detto Smash?

Freganniente di 3DS (anche se i remake di Luigi’s Mansion e di Mario & Luigi: Bowser Inside Story mi hanno fatto scendere una lacrimuccia), passiamo subito a Nintendo Switch e all’annuncio di Okami HD che ha fatto incazzare tutti quelli che se lo sono acquistato su tutte le piattaforme e che ora dovranno prenderlo pure qui (ma perché?). La buona nuova che più mi ha attratto è stata la data di uscita di Octopath Traveler, disponibile in edizione fisica e da collezione a partire dal 13 di luglio, ecco spiegato il riferimento all’introduzione; poi c’è stato Travis Strikes Again: No More Heroes che acquisterei solo per il concept visto che il gameplay fa schifo ma andiamo oltre. È il turno di Dark Souls Remastered che – udite, udite, sarà accompagnato al lancio da un amiibo raffigurante Solaire nella lode a noi più cara. C’è un che di disturbante sulla fetta sempre più grande di territorio che queste statuette stanno conquistandosi: che presto tocchi anche a mia nonna ricevere un’action-figure dedicata con annessi DLC “pulisci bene se no son botte?”. Sarebbe certo più interessante di Mario Tennis Aces, che sta continuando a far parlare di sé tanto insistentemente da attirare la mia attenzione: sì, lo so, chi è che prova hype nel 2018 per l’ennesimo sportivo di Mario & co.? A quanto pare il sottoscritto, che sa cosa vuol dire rimanere sotto a Mario Power Tennis per più di quattro mesi e che dal lontano 2006 aspetta un suo degno successore – poi si può giocare pure coi joy-con tipo racchette, ma di che stiamo parlando? Ho le stelline agli occhi e merito i vostri insulti anche per l’interesse verso il porting da Wii U di Captain Toad: Treasure Tracker, un IP bistrattata dai più e che vedrà l’arrivo sugli scaffali lo stesso giorno di Octopath e quindi ci rimarrà a prendere polvere. Anche Undertale arriverà su Switch, prima o poi… Mentre la remastered-remake di Crash smetterà di essere esclusiva Sony a partire dal 10 luglio perché Nintendo voleva portarsi a casa l’ennesimo finto annuncio bomba. Little Nightmares arriva in Complete Edition il 18 maggio su Switch ma io ho scoperto che esiste già per PS4, quindi non so se ho voglia di aspettare. Poi c’è South Park, Hyrule Warriors, Arms e Splatoon 2, che si arricchisce di una modalità single-player che incita alla pedofilia per via delle movenze della protagonista. No? La vedo solo io provocante?! Bene, bene, bene ma non benissimo, perché il vero annuncio bomba è stato quel teaser del nuovo Super Smash Bros.: è un porting? È un gioco nuovo? È il porting di un gioco nuovo? Voci di corridoio propendono per la seconda opzione per vari indizi – e speriamo. Ho proprio bisogno di picchiare un po’ Mario.

E basta.

Questa settimana non ci sono stati altri annunci degni di nota. Sì, Call of Duty: Black Ops 4 è realtà; sì, The Division riceverà presto un sequel che sarà presentato all’E3 2018 – ma a noi di ‘ste cose non ci interessa. So’ robe per casualoni. Non come Into the breach, il nuovo titolo dai creatori di FTL che ha ricevuto unanimi consensi dalla critica e dal pubblico ma che a me non interessa perché è uno strategico, odio gli strategici. Life is Strange: Before the Storm ospita invece l’ultimo episodio del Life is Strange originale, Addio, vittima di valutazioni altalenanti: fa piacere il ritorno della strana coppia ma niente di più, l’avventura non ha molto altro da dire che già non sia stato sviscerato da fan-art e speculazioni. Manca però poco all’arrivo di Sea of Thieves, e Rare ha deciso di rilasciare l’ultima – si spera per loro – beta pubblica con scadenza fissata per l’11 marzo, in cui i giocatori potranno convincersi, se ancora non è successo, dell’indiscusso valore di questa IP. Però davvero, poi basta beta, state esagerando.

No, davvero: basta.

Facciamo che vi faccio una rassegna veloce di notizie meh così ci credete che potevamo concludere due paragrafi fa: il quinto e ultimo episodio di Batman: The Enemy Within debutta il 27 marzo; è stato rilasciato Warhammer: Vermintide II ma ancora nessuna recensione; Retro Studios (Metroid Prime, Recore) sta sviluppando un sandbox dalla narrazione non lineare (Metroid Prime 4?); Corey Barlog conferma che non ci saranno microtransazioni in God of War; Days Gone è stato rimandato al 2019; Amid Evil, dai creatori di Heretic, è in accesso anticipato; State of Decay 2 sarà disponibile da maggio e io ancora devo giocare il primo; è stato rilasciato Scribblenauts Showdown e a nessuno frega niente; sì, Diablo III arriva su Switch; annunciato Vasara HD Collection ma non so che cappero è; una traccia di codice nella N. Sane Trilogy rimanda a una demo di Spyro – vi prego basta con ‘sti rumor, all’E3 verrà annunciata anche la sua remastered, state tranquilli – e io ho voglia di giocare a Dead Cells. Fine notizie inutili.

Conclusione

Questa settimana non è stato trasmesso in onda l’episodio di Dragon Ball Super, torno a piangere annoiato in un angolino. Ciao.

Facebook Comments