Mangiamo la Foglia: God of War non sarà un reboot

Cory Barlog dice che il nuovo God of War non è un reboot, ma un nuovo inizio per Kratos che non trascura il suo passato. Cory Barlog dice che si inventerà qualcosa di nuovo e fresco da sostituire al blasonato New Game +. Cory Barlog non sa se dirigerà il sequel di God of War, ma sa che ci sarà. Cory Barlog parla troppo. Sono ProngedLeaf e giuro sul mio onore di ladro che non parlerò di Cory Barlog. Anche perché God of War l’ho già prenotato.

In God of War ci saranno incredibili personaggi femminili

Non sono un ladro e non ho onore, sono proprio come Far Cry 5. Il nuovo episodio dell’attuale vacca da latte di Ubisoft si aggiudica una media prevedibilmente alta, forte di una formula che si reitera senza troppe sbavature da qualche anno a questa parte. Aggiunti gli però gli elicotteri.

Ciò su cui vorrei però soffermare l’attenzione è Detective Pikachu, spin-off davvero perverso dell’epopea Pokémon che si aggiudica un ottimo 8 / 10 sulle pagine di IGN Italia. A parlarne bene è Alessandra Borgonovo, la cui recensione è visionabile come di consueto qui: forte del contrasto fra apparenza chibi con cui siamo abituati a percepirlo e vocione noir anni ’50, questo Pikachu è una delle creature più originali partorita dall’universo dei mostri portatili, nonché una gradevole alternativa in un mondo troppo abituato a scontri legali fra belve e collezionisti ossessivi compulsivi.

God of War sarà pieno di easter egg

Va bene che God of War non interessa a nessuno, ma non è giusto non parlarne proprio. Il figlio di Kratos si mostra in un nuovo video dedicato insieme a tante indiscrezioni sul suo conto: nel gioco avrà il ruolo di arma e anima del più prode papà, tanto utile a scatenare combo devastanti quanto pretesto per mostrare una faccia mai vista dello spartano – quella più incline a provare sentimenti diversi dall’odio. A proposito di odio, No Man’s Sky arriverà anche su Xbox One a partire dall’aggiornamento Next – secondo Murray il più grande mai prodotto per l’IP. Non che ce ne fosse bisogno, visto che Microsoft s’è già accaparrata Elite Dangerous, anche se visto l’alterno arrivo del vero esploratore spaziale anche su PS4 sembra che questa notizia possa permettere un ristabilirsi di equilibrio fra le parti. Per me rimarranno comunque giochi brutti.

Novità anche per Dragon Quest XI, il cui arrivo in Europa è ormai concreto: cerchiate il 4 settembre 2018 – oh, voi che fate del Giappone una religione, ma non aspettatevi di vederlo presto su questi schermi. C’è un’altra chimera che merita attenzioni proprio dieci giorni dopo – e come ogni donna che si rispetti, le esige dal mio cuore e dal mio portafogli senza che possa chiedermi troppi ‘ma’.

 

God of War avrà anche una Photo Mode

Sono contento che The Witness sbarchi su Games With Gold proprio nel periodo in cui ho rinnovato l’abbonamento senza tuttavia usarlo per quella delusione che è stata Sea of Thieves: ora so che scopo attribuirgli. Sono anche contento che i lavori su Super Mario 64: Ocarina of Time procedano bene, ma sarei più curioso di sapere che fine ha fatto quel capolavoro di Super Banjo-Kazooie 64. Il fatto che Hajime Tabata si sia aperto uno studio interno tutto suo in Square-Enix mi fa certo piacere – un po’ meno sapendo che il loro primo progetto sembra essere un fot***o documentario. Poi che Red Faction: Guerrilla arrivi anche su PC, Xbox One e PS4 può solo trastullarmi, inorridito dal fatto che quel gran fico di Duke Nukem potrebbe venire in futuro interpretato in un film dedicato da quel bamboccione di John Cena – non mi dilungo oltre con gli insulti perché non sai mai quello che potrebbe capitarti nella vita. E poi in realtà basta, ho preferito non leggere le ottime critiche rivolte all’ultimo episodio della seconda stagione di Batman griffata TellTale perché – beh, spoiler. Quindi vi rimando alle conclusioni e basta.

Conclusioni

Sapevate che God of War avrà ben quattro livelli di difficoltà?!

– Giovanni “ProngedLeaf” Casa

Facebook Comments